Skip navigation

da RomaItaliani brava gente. Ma non per Thomas Hammarberg, Commissario europeo per i diritti umani, che ieri ha attaccato duramente la politica del governo italiano in materia di sicurezza e immigrazione. «Le misure attuate in Italia – si legge in una nota allegata al rapporto sulla sua visita in Italia del giugno scorso – non tengono conto dei diritti umani e dei principi umanitari e potrebbero fomentare altri episodi xenofobi». Non solo, la scure del Commissario cala anche sugli atti di violenza avvenuti ai danni di campi nomadi «senza che vi fosse una effettiva protezione da parte delle forze dell’ordine che a loro volta hanno condotto raid violenti contro gli insediamenti». E poi sul campo nomadi di Roma «Casilino 900» le cui condizioni sono «inaccettabili».A stretto giro e altrettanto dura arriva la risposta del ministro dell’Interno Roberto Maroni che, intervenendo in aula alla Camera, respinge «con indignazione» le accuse mosse da Hammarberg. Delle «falsità clamorose», ribadisce, negando qualunque comportamento illegittimo delle forze dell’ordine. Diversamente, precisa Maroni, «si dica quali sono i fatti a cui si riferisce». Prima dell’intervento in aula, il Viminale ha comunque diffuso una nota i cui si chiarisce che il governo ha già risposto al Consiglio Ue dimostrando che le preoccupazioni sul non rispetto dei diritti umani siano «totalmente infondate». L’attacco del Commissario per i diritti umani non si è però limitato alla questione nomadi.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279587

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: