Skip navigation

Natale Bruno

Caltanissetta – Violentata, strangolata con un cavo e gettata in fondo ad un pozzo per una bugia. Lorena Cultraro, la studentessa quattordicenne di Niscemi, uccisa da tre ragazzini di poco più grandi, non era incinta.

La verità salta fuori dalle indagini, approfondite, che la procura presso il tribunale dei minori di Catania ha fatto fare ai medici legali, subito dopo avere ritrovato alla periferia del paese, il corpo privo di vita della giovane. Il 13 maggio scorso.

Lo scenario della terribile fine della quattordicenne siciliana adesso viene fuori in maniera inesorabile. Lei che accusa gli amichetti con cui aveva avuto rapporti sessuali: «Uno di voi è il padre del bimbo che aspetto», aveva ripetuto, «adesso dovete prendervi le vostre responsabilità». I ragazzi terrorizzati per una gravidanza non voluta che si trasformano in mostri. Uno di loro, il più grande che ordina con un messaggino telefonico agli altri due compagni l’eliminazione fisica della ragazza, non prima però dell’ultima bravata. L’ultima violenza nel casolare diroccato alla periferia di Niscemi. L’alcova di tanti incontri con Lorena.

Adesso tutto è più chiaro: Lorena Cultraro paradossalmente è rimasta vittima di una sua bugia. Quella di avere detto ai tre ragazzi di essere incinta e che uno dei tre fosse il padre. Ma forse neanche la ragazza era a conoscenza della verità.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=280377

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: