Skip navigation

È successo in Venezuela, e più precisamente nella fabbrica della Pepsi-Cola di Miranda, nella località di Caucagua, dove il personale è stato rimesso in libertà dopo la stretta del Governo nei confronti della Empresas Polar, azienda proprietaria del famoso marchio nel Paese sudamericano.

Gli ispettori del governo non hanno accettato di buon grado la decisione dell’impresa, arrestando gran parte dei lavoratori dopo aver ordinato di ricominciare a realizzare la bevanda gassata.

Già qualche giorno fa il numero uno venezuelano aveva puntato il dito contro il Ceo di Polar, Lorenzo Mendosa, definendolo un ‘demonio perverso e cattivo che fa solo i suoi interessi e non quelli della gente’, e accusandolo di essere insieme alle ‘forze imperialiste e alle compagnie private’ il responsabile della sconfitta del suo partito nelle ultime elezioni dell’Assemblea nazionale del Paese.

La carenza di prodotti sarebbe diventata cronica e frutto di una guerra economica condotta dai leader dell’opposizione e dalle aziende contro di lui.

vai

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: