Skip navigation

Tag Archives: guerra

George Herbert Bush, padre dell’attuale presidente degli Stati Uniti George Walker Bush, è stato a sua volta presidente dal gennaio 1989 al gennaio 1993. È nato a Milton, nel Massachusetts, il 12 giugno 1924: ha dunque oggi 84 anni. Nel 1942, diciottenne, si arruolò in Aviazione e compì 58 missioni di combattimento durante la Seconda guerra mondiale. Abbattuto dall’antiaerea giapponese, fu salvato da un sommergibile Usa e fu decorato. Dopo la laurea alla Yale University ha intrapreso una carriera nel settore del petrolio nel Texas. Seguendo una tradizione di famiglia si dedicò poi alla politica nel partito repubblicano: è stato due volte «congressman» del Texas, poi ambasciatore Usa presso l’Onu, capo dell’Ufficio di collegamento degli Stati Uniti in Cina e direttore della Cia. Nel 1980 cercò la «nomination» per la Casa Bianca, ma fu battuto da Ronald Reagan e accettò di diventare il suo vicepresidente. Lo fu per otto anni, poi nel novembre 1988 sconfisse il democratico Michael Dukakis e divenne il 41° presidente americano. Nel suo quadriennio gestì avvenimenti epocali quali la fine del comunismo in Russia e in Europa Orientale, la riunificazione tedesca e la prima guerra contro l’Irak di Saddam Hussein che aveva invaso il Kuwait. Alle presidenziali del novembre 1992 fu sconfitto dal democratico Bill Clinton e al termine del mandato si ritirò dalla politica.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=295176

Advertisements

«Il comportamento di Genova è stato ambiguo, troppe polemiche. L’esercito non gli verrà assegnato». Il ministro della Difesa Ignazio La Russa chiude così settimane di polemiche tra l’amministrazione comunale della Lanterna e il governo sul piano sicurezza. La Russa, che inizialmente aveva indicato Genova come una della città in cui sarebbero arrivati i militari, ha cambiato idea. Secondo il ministro, dal capoluogo ligure si erano mossi per chiedere l’intervento dell’esercito, mentre il sindaco Marta Vincenzi ha sempre criticato l’operazione: «A questo punto ho preferito dire basta. La chiamata arriva una volta, la seconda è già tardi» chiude La Russa. Nei giorni scorsi la Vincenzi aveva detto di non avere mai avuto contatti con il ministro: «La situazione di Genova – conclude La Russa – era stata valutata con attenzione e inserita da me su precise segnalazioni».

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279380